Psicologia transpersonale – BTE

ipipoii9ug87

Cosa sono la Psicologia Transpersonale e la Biotransenergetica (BTE)?

Definita da Maslow  “la quarta via” e da lui auspicata, la Psicologia Transpersonale pone l’accento sull’esperienza interiore ed esplora le quattro frontiere che limitano l’uomo nella sua visione del mondo: la coscienza, la memoria, l’evoluzione e la morte.

Padroneggiando i propri stati di coscienza l’essere umano può riconoscere come i limiti esistano solo nella sua mente e che la sua coscienza è illimitata, che la sua memoria può trascendere la filogenesi, che l’evoluzione non si ferma all’intelletto ma prosegue verso le dimensioni spirituali, che la morte è un passaggio.

L’umanità è quindi vista nel suo intrinseco potenziale di qualità e risorse.

Dunque quello proposto dalla psicologia transpersonale è un percorso di ri-scoperta e presa di consapevolezza della propria più vera natura,  che passa attraverso un dialogo sinergico con i corpi fisico, energetico, emozionale e mentale e transpersonale, cioè quello comunemente detto “spirituale”.

Tale stato di coscienza, di maggiore fluidità, vuoto e creatività è detto integrale ed quello che ci permette di meglio onorare noi stessi in rapporto con il nostro posto nel mondo, con le nostre qualità e in definitiva con tutto ciò che esiste.

Quella transpersonale è perciò una psicologia a respiro olistico, che, pur approcciandosi scientificamente alla spiritualità, si permette di immergervisi pienamente, cogliendo le regolarità del dialogo tra micro e macrocosmo e fornendo le mappe e gli strumenti necessari a padroneggiare l’esperienza interiore.

Nella sua visione, metodologia e pratica, Psicologia Transpersonale ha la specificità di integrare l’esperienza della psicologia occidentale, in particolare quella del filone gestaltico, esistenziale, umanista, con le tradizioni mistiche, sapienziali e  meditative, come lo yoga, lo zen, il sufismo, e con quelle sciamaniche basate sull’estasi ed il contatto diretto con le forze elementali della natura.

Perciò…

La visione è quella di un essere umano fondamentalmente sano.

Di fronte ai nostri limiti, difficoltà e debolezze possiamo riconoscere, contattare e allearci  a quella parte sana che c’è in noi e rendere manifesto il processo trasformativo della guarigione.

A partire da questa visione, la Psicologia Transpersonale e la Biotransenergetica, offrono quindi tutta una serie di modelli che ci aiutano nel processo di via via maggiore integrazione delle nostre eventuali zone d’ombra verso una struttura armonica di personalità.

Per fare che ciò possa accadere si utilizzano una vasta gamma di strumenti che vanno da quelli più meditativi, detti di mindfulness, a quelli orientati all’ autoguarigione, come le pratiche psicocorporee e/o energetiche a veri e propri strumenti terapeutici come le costellazioni familiari o la captazione.

In particolare la Biotransenergetica lavora a livello transpersonale seguendo la mappa degli Orixà, i nomi con cui nella cultura afro-brasiliana si definiscono le costellazioni archetipiche che sono riconoscibili come qualità dentro di noi e forze elementali intorno a noi.

Ad esempio Madre Terra, in questa tradizione prende il nome di Nanà, e ci riconnette, attraverso questa porta culturale a delle qualità universali, come l’ amore incondizionato e l’ accettazione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...