Imparare la pazienza

oihibjknmkn

IMPARARE LA PAZIENZA

“Maestro, in questa quarantena faccio fatica ad aspettare. Insegnami la pazienza.”
“La pazienza non si può insegnare. Va coltivata.”
“E come posso farlo?”
“Coltivando un fiore o una pianta. Dovrai avere fiducia nel potere della vita e far sprofondare il tuo seme nel buio. E attendere che tutto accada. Senza un tuo intervento. Solo con la tua cura quotidiana. Annaffia il terreno che custodisce il tuo seme. Con la giusta quantità d’acqua. Accertati che la luce del sole sia adeguata. Dedicati a creare un ambiente fertile per la sua crescita. Non potrai mettere fretta al tuo seme o cercare di farlo fiorire prima. Tutto avviene a tempo debito. Come il seme, anche l’anima ha i suoi tempi. E’ ora di ritornare ai tempi dell’anima. Che sono lunghi, lunghissimi rispetto ai tempi della mente. Ma molto più potenti e fiorenti e sacri.”
“Basta coltivare un fiore per coltivare la pazienza?”
“Si. Basta entrare nel ritmo della natura. E’ una semplice azione che richiede però un grande impegno di cura, di attenzione, di amore. Tutto ciò che accade fuori di noi è lo specchio della nostra interiorità. Prendendoci cura del giardino del mondo, coltiveremo il giardino della nostra anima”

Tratto da Elena Bernabè (autrice).
Foto maestro lakota.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...