Stare da soli… sentirsi soli

STARE DA SOLI… SENTIRSI SOLI…

«Mammina Norma, perché mi sento così solo?»

«Caro figlio, stare da solo ha i suoi vantaggi»

«Si dice che “meglio soli che in cattiva compagnia”. Il che ci porta all’idea che le persone intorno a noi non sempre collaborano alla nostra guarigione e alla nostra crescita emotiva. Anche più sono vicini, siano essi i nostri genitori, figli o partner, questo non significa necessariamente, ad esempio, che ci aiutino direttamente nel nostro percorso di evoluzione personale. A volte abbiamo bisogno di prendere le distanze da loro, per recuperare un po’ di tempo per noi stessi e un po’ di spazio per respirare liberamente con una mente più aperta»

«Distanziarsi temporaneamente da una persona che ci è stata vicina può avere giustificati motivi, soprattutto quando l’ambiente era già molto tossico e caratterizzato da un’irrazionale dipendenza emotiva tra le parti. Non tutto è perduto se ognuno ritrova un po’ di libertà, che può servire a chiarire il panorama, a riprendere le forze e anche a prendere decisioni consapevoli nel migliore dei casi. Inoltre, quando raggiungiamo la maturità, niente e nessuno ci obbliga a stare un minuto in più con qualcuno che sistematicamente ci maltratta e ci rinchiude in un mondo distorto di manipolazione basato sul gioco dell’egocentrismo. Non possiamo permetterlo e quindi, meglio da soli che in cattiva compagnia»

«Caro figlio, stare da solo è anche un rimedio o un balsamo per ritrovare se stessi. Questo può essere molto terapeutico e può aiutarti a trovare il tuo spazio, a riconoscere i tuoi punti di forza, limiti e qualità. Essere soli può aiutarci a conoscere meglio noi stessi e ad affermare il nostro scopo nella vita. Questo è trovare il nostro posto nel mondo, qualcosa che ci può essere molto utile per raggiungere l’abbondanza e la trascendenza tanto attese a tutti i livelli»

«Sentirsi soli, tuttavia, è più che essere soli. Possono essere due cose molto diverse. Questo può succedere anche quando ci troviamo accompagnati da persone teoricamente stimate. Il sentimento di solitudine è di categoria superiore di cui bisogna tener conto, ci parla di un vuoto personale, di un congelamento interiore, di non inserirsi più in un gruppo, di perdita di motivazione, di forzare situazioni solo per il piacere degli altri. Sentirsi soli al mondo è testimonianza di una crisi esistenziale e anche di un’emergenza spirituale, di un profondo processo di cambiamento in cui, molto probabilmente, si sta toccando il fondo. Questo stato è quasi sempre dopo una delusione amorosa, un trauma o un abuso, una grande delusione familiare o l’apparente rifiuto della società in cui si vive»

«La solitudine può portare a una vita di routine, sedentarietà e pseudo-autosufficienza. La solitudine cronica si manifesta quando le persone acquisiscono l’abitudine di non avere speranza nella vita sociale, perdendo così la fiducia nel prossimo. Si perde il gusto della conversazione semplice, della sana condivisione, del piacere del contatto fisico, delle carezze umane e della sensazione di stare in compagnia. Questo può generare infiniti disagi in tutti gli scenari, sul lavoro, nella vita intima, nella società e anche nella propria salute»

«Caro figlio, quando ci si sente soli, è quasi certo che dietro c’è la manifestazione di un dolore che ha bisogno di essere guarito. Questo è del tutto accettabile perché non c’è dolore che possa vivere per molti anni, né un corpo che possa resistergli. Per questo conviene indagare l’origine di questo dolore e affrontare le radici, da qualunque parte provengano. La guarigione interiore è la piena comprensione delle ragioni ultime per cui si soffre, questo richiede confronto, perdono di sé e molta pazienza. L’idea è di non abituarsi troppo al dolore e che non si esaurisca nella sofferenza. Qualcuno ha già detto che il dolore fa parte della vita e la sofferenza è facoltativa»

«La guarigione è un intenso processo di cambiamento, di apprendimento, di realizzazione, coincide quasi sempre con un alto livello di conoscenza di sé e di scoperta di sé, che in realtà, è meglio dire riconoscimento per ciò che è già stato raggiunto, per accettare la vita stessa, il proprio corpo e la propria esperienza personale. Quando ti accetti nel tuo stesso corpo, puoi essere tollerante con il tuo aspetto fisico, per esempio. Sebbene questo sia solo parziale, le persone raggiungeranno il loro massimo appagamento quando sentiranno di trascendere il proprio ego e i propri limiti. Questa è la nozione del guerriero che ha conquistato sé stesso, che ha finito per acquisire la propria volontà e la forza di dirigere la propria vita anche considerando le carenze materiali del suo ambiente. Niente può essere un limite valido per evitare di essere felici con poco o molto. Da questo stato le persone trovano la pace con sé stesse e smettono di lottare con i propri conflitti. Questo è il vero significato di ogni guarigione»

«Caro figlio, finché stai seduto, vai a cercare qualche natura essenziale, madre terra è neutrale e non ti giudicherà mai. Nelle onde del mare potrete trovare il senso del flusso intenso e incessante dell’acqua alla ricerca dell’equilibrio, si muove sulla terra con fluidità per l’azione del vento, a volte rimane intrappolata nella sabbia del mare o tra le rocce delle scogliere, ma il flusso continua e il ciclo dell’acqua non si ferma mai. Se vai in una foresta, preoccupati solo di stare con te stesso, di non fare altro che camminare, mangiare e riposare. Lo spazio naturale guarisce con la sua aria fresca, le sue immagini, i suoi suoni e i suoi profumi. Questo concentra una gamma di energia appena percettibile ma di potenza senza pari. Lì troverai dei segni, dei significati e delle risposte, un senso della vita che potrai capire solo se entri in sintonia con la terra. Se vai in montagna, osserva tutto quello che ti capita, magari nelle cose molto semplici, per piccole che siano, troverai un significato che ispirerà il tuo cuore, come quando le farfalle si divertono a ballare volando nel prato o quando le anatre e cigni nella laguna sembrano nuotare in sincronia. Osserva questo regno, non aspettarti nulla e accetta quello che succede. Poi vedrai»

«Caro figlio, sana le tue ferite per tutto il tempo che ritieni necessario. Non sentirti mai solo. Hai te stesso in ogni caso ed è una cosa meravigliosa imparare ad avere la tua compagnia. Dichiara a te stesso che questa sensazione sarà da sola per un po’, che durante questo periodo sarai concentrato sulla guarigione. Nel conoscerti meglio e riscoprire il senso profondo della vita che ci rende più umani. Non tutto è perduto. Il tuo viaggio è sicuramente appena iniziato, ma quando torni sappi che il mondo ti sta aspettando, che le persone sono ciò che siamo, commettiamo errori, perdoniamo e poi ci riconciliamo. Gli esseri umani sono perfetti nelle nostre imperfezioni. Gli esseri umani sono difficili da capire, ma c’è la sfida, trascendere le proprie ferite e tornare a far parte della grande famiglia di esseri umani che hanno la testa nelle stelle, ma i piedi profondamente radicati nella terra»

A cura di: Dott. Arnaldo Quispe – Takiruna.

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...