Cura dell’Ansia e depressione con la Medicina Tradizionale Amazzonica

EFFICACIA DELLA MEDICINA TRADIZIONALE AMAZZONICA NEL TRATTAMENTO DELLA DEPRESSIONE E DELL’ANSIA

È stato appena pubblicato un nuovo articolo scientifico che evidenzia i risultati positivi del protocollo terapeutico pionieristico del Centro Takiwasi per alleviare sintomi come depressione e ansia nella prima serie di pazienti dipendenti da farmaci reclutati dall’innovativo progetto di ricerca ATOP – Ayahuasca Treatment Outcome Project .

Fin dalla sua istituzione, il Centro Takiwasi si è dedicato al miglioramento delle condizioni di salute della popolazione e alla conservazione dell’ambiente, sviluppando tecniche e modelli innovativi che recuperano le conoscenze tradizionali amazzoniche e le articolano con la scienza medica moderna, tenendo conto delle preoccupazioni terapeutiche e scientifiche. , ecologico, culturale e umano.

Takiwasi è uno dei pionieri nell’applicazione dell’ayahuasca e delle piante medicinali amazzoniche di uso ancestrale per il trattamento della salute mentale e soprattutto delle dipendenze. L’istituzione ha contribuito notevolmente all’internazionalizzazione di questa conoscenza ed è stata presa come modello e punto di riferimento per i suoi progressi nella ricerca scientifica e nella pratica clinica. Uno dei risultati più importanti in questo settore è stato l’ottenimento della Dichiarazione di Patrimonio Culturale della Nazione per gli usi tradizionali dell’Ayahuasca, attraverso la Risoluzione del Direttore Nazionale n. 836 / INC dell’Istituto Nazionale di Cultura nel 2008. Il Un modello innovativo di trattamento delle dipendenze ha portato l’istituzione ad essere premiata anche da DEVIDA ea diventare un riferimento nazionale e internazionale per iniziative simili.

La valutazione scientifica dell’efficacia di questo modello di trattamento è necessaria affinché venga riconosciuto come un approccio terapeutico legittimo al trattamento delle dipendenze e di altri problemi di salute mentale. Il progetto di ricerca internazionale Ayahuasca Treatment Outcome Project – ATOP, guidato dal Dr. Brian Rush, del Centre for Addictions and Mental Health – CAMH di Toronto, Canada, è stato sviluppato da un team di ricerca multidisciplinare e internazionale proprio per rispondere a questo bisogno.

I risultati dello studio su depressione e ansia

Nell’ambito di questo ampio progetto di ricerca, sono stati sviluppati diversi sottoprogetti incentrati su argomenti specifici. È nell’ambito di questi progetti che l’articolo dal titolo “Valutazione pilota di un trattamento residenziale per la tossicodipendenza che combina la medicina tradizionale amazzonica, l’ayahuasca e la psicoterapia per la depressione e l’ansia” è stato pubblicato in inglese nel rivista accademica Journal of Psychoactive Drugs , lo scorso 4 agosto.

Questo studio valuta l’impatto dell’uso dell’ayahuasca e della medicina tradizionale amazzonica sulla depressione e l’ansia nei pazienti di Takiwasi, nell’ambito del programma di trattamento delle dipendenze residenziale sviluppato in questa comunità terapeutica riconosciuta dal Ministero della Salute del Perù. Questa analisi è stata sviluppata dalla ricercatrice Cécile Giovanetti durante il suo soggiorno a Takiwasi nel contesto della sua tesi di Master in International Health presso la Charité University di Berlino, Germania.

I risultati presentati nell’articolo sono molto incoraggianti e vanno nella stessa direzione degli studi recenti di altri ricercatori. I pazienti di sesso maschile sono stati valutati prima e dopo il trattamento utilizzando questionari standard come Beck Anxiety Inventory (BAI) e Beck Depression Inventory (BDI). Tra i principali risultati e cambiamenti osservati, da un lato, i pazienti hanno mostrato una significativa riduzione dei punteggi medi di ansia (da 20,8 a 11,6, p <0,002) e depressione (da 18,7 a 7,5 , p <.001) e, dall’altro, un miglioramento dei punteggi relativi alla qualità della vita (p <.001) e alla spiritualità (p <.001). Sono state inoltre misurate e analizzate le caratteristiche cliniche e sociodemografiche, la motivazione e la soddisfazione per il trattamento, applicando diversi test.

Situazione attuale del progetto ATOP a Takiwasi

Il progetto ATOP si è sviluppato dall’incontro internazionale tenutosi a Tarapoto nell’ottobre 2013, con il supporto della Commissione Nazionale per lo Sviluppo e la Vita senza Farmaci – DEVIDA, al quale hanno partecipato 44 ricercatori di diverse Paesi dell’America Latina, Canada e persino Australia. A Takiwasi, il team ATOP è composto dal dottor Fernando Mendive, PhD in biochimica e responsabile del Laboratorio Takiwasi, e dalla psicologa Sara García Arce, che si dedica anche alla raccolta dati attraverso interviste qualitative ai pazienti.

Da gennaio 2016 sono stati raccolti dati misti (quantitativi e qualitativi) sulle esperienze dei pazienti durante e dopo il trattamento. Attualmente il progetto ATOP è in fase di analisi dei risultati in 100 pazienti valutati fino ad un anno dalla dimissione. La sfida è grande ma anche molto interessante, soprattutto il compito di integrare e completare i risultati quantitativi legati alla gravità della dipendenza, comorbilità, qualità della vita, ecc., Con le informazioni qualitative che raccolgono le esperienze e le soggettività prima, durante e dopo di trattamento identificato dai pazienti stessi come significativo nel loro processo di guarigione.

Questa pubblicazione è solo il primo frutto di ciò che il progetto ATOP deve offrire alla comunità scientifica internazionale per comprendere i meccanismi delle dipendenze e il loro recupero. Siamo molto orgogliosi che un progetto così innovativo e unico al mondo sia promosso da un’istituzione nella regione di San Martín, il Centro Takiwasi, che dal 1992 cerca di costruire ponti tra la conoscenza indigena e la scienza occidentale. Ci auguriamo che le future pubblicazioni possano contribuire a convalidare l’efficacia dell’ayahuasca e della medicina tradizionale amazzonica nel trattamento delle dipendenze, e che questo sia riconosciuto come un approccio terapeutico legittimo nella salute mentale, con l’obiettivo finale di beneficiare il maggior numero di persone, persone possibili.

Valutazione pilota di un trattamento residenziale per la tossicodipendenza che combina la medicina tradizionale amazzonica, l’ayahuasca e la psicoterapia sulla depressione e l’ansia . Autori: Cécile Giovannetti, Sara García Arce, Brian Rush e Fernando Mendive. Pubblicato su Journal of Psychoactive Drugs, 4 agosto 2020.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...